Corso ad indirizzo musicale

Struttura

Il Corso ad indirizzo musicale spiegato attraverso i riferimenti legislativi, le cose da fare per essere ammessi, l’organizzazione delle lezioni e della frequenza alle quattro classi di strumento  (chitarra, flauto traverso, pianoforte, violino), il funzionamento del laboratorio orchestrale.

Giovane Orchestra Montini
La Giovane orchestra Montini, la sua storia, l’attività concertistica, i numerosi e prestigiosi premi conseguiti dal 1996 ad oggi.
Concorso Nazionale di Musica d’insieme e Solisti

In appoggio al Corso ad indirizzo musicale, l’Istituto Comprensivo “L. Montini” organizza dal 2006 il  Concorso Nazionale di Musica d’insieme e Solisti. Il Concorso è riservato alle Scuole Primarie e Secondarie di I e II grado e si pone come scopo quello di diffondere la cultura musicale e motivare i giovani alla pratica strumentale e vocale, sia solistica che d’insieme.

Certificazioni europee

ECDL
L’interesse dell’Istituto per l’informatica e le nuove tecnologie è un carattere distintivo dell’offerta formativa  e una tradizione ormai consolidata. Fin dal 2004, la Scuola secondaria di 1° grado “L. Montini” organizza corsi per il conseguimento della patente europea del computer (European Computer Driving Licenze) e, dal 2008, partecipa alle iniziative promosse dal PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale).
Lingue comunitarie
Un altro pilastro dell’offerta formativa è lo studio delle lingue. L’approfondimento del francese, e soprattutto dell’inglese, deriva dalla consapevolezza del ruolo comunicativo che le lingue straniere hanno per formare cittadini europei più completi e competitivi.

Laboratori

La pratica laboratoriale riveste la funzione importante di dare risposte adeguate per migliorare l’aspetto relazionale di ogni alunno, per facilitargli l’acquisizione di nuove conoscenze ed abilità che si potranno sviluppare in competenze. Il docente gestisce in prima persona il processo di insegnamento-apprendimento nell’attività di laboratorio, privilegia alcuni aspetti comunicativi con i discenti rispetto ad altri per facilitare lo scambio, si pone come esperto conoscitore della situazione che si trova a gestire, mettendosi in gioco in prima persona e spendendo le proprie competenze. L’attività di laboratorio consiste in una vera e propria unità di apprendimento rispetto al quale il docente dichiara gli obiettivi formativi che intende perseguire, incrociandoli con gli obiettivi generali del processo formativo e quelli specifici di apprendimento, adeguandoli al contesto, e coniugando le strategie, le metodologie più idonee, analizzando e ripensando ad alcuni aspetti progettuali quando non funzionali agli alunni.